In questa intervista a « Be Curious TV » realizzata da parte di Cecilia Hamel, giornalista indipendente svizzera, Nabil Antaki medico siriano, cristiano, racconta la vita dei siriani. Egli ha lanciato un appello ad aprire gli occhi di fronte ad un certo tipo di informazione che determina un fraintendimento della realtà siriana e ritarda il ritorno alla pace.


Antaki-9

BeCuriousTV: « Benvenuto Nabil Antaki. La preghiamo di farci sapere cosa sta succedendo ad Aleppo e in Siria. Lei è stato brevemente in Europa. Lei è siriano, nato in Siria e residente a Aleppo. Lei è un medico presso l’ospedale St Louis ad ovest di Aleppo o, l’area sotto il « controllo del regime ». Le persone che vivono in Occidente che sono non sono consapevoli di ciò che sta accadendo in Siria potrebbero chiederlo se è peggio la violenza regime siriano o quella dei terroristi o dei « ribelli ». Questo antagonismo si riflette nel cuore dei nostri media, dove da una parte troviamo coloro che affermano che il « regime » di Bashar al Assad sta terrorizzando il suo popolo e dall’altra parte ci sono coloro che sostengono che le forze di Assad stanno difendendo la loro gente contro i « jihadisti armati  »

Dr AntakiPrima di tutto vorrei chiarezza sul più volte accennato, « regime di Assad « e su « esercito Assad » e la sua confusione che noi non apprezziamo in Syria. Infatti, si legge in tutti i media dell’aviazione di Bashar, esercito di Bashar. In realtà, è l’esercito siriano, l’esercito dello Stato della Siria e quando lei ha detto che vivo ad ovest di Aleppo, che è sotto il controllo di un « regime », no, è sotto il controllo dello stato siriano. La nostra gente non ha paura dell’esercito siriano, perché è un esercito che difende tutta la Siria contro terroristi che hanno invaso la Siria al fine di stabilire il loro stato islamico. Per questo dovremmo dire a tutti che il popolo siriano non ha paura dell’esercito siriano perché non è un esercito di un « regime », come descritto dai media, le persone sono in realtà molto grate per la presenza dell’esercito siriano. Lasciatemi che vi faccia un esempio. Pochi mesi fa l’esercito siriano ha lanciato un’offensiva per portare un po’ di sollievo ad Aleppo che è stata circondata e assediata [dai terroristi] negli ultimi 3 anni. Secondo i media occidentali, l’esercito siriano stava imponendo un assedio al popolo siriano ad Aleppo, mentre in realtà era vero il contrario, cioè l’esercito siriano stava cercando di rompere i tre anni di assedio terroristico di Aleppo. Quindi, no, le persone non hanno paura dell’esercito siriano, hanno paura dei terroristi.

BCT: Quindi, solo per essere chiari, i media occidentali non stanno inviando notizie con precisione su ciò che si vive ad Aleppo? »

NAEsattamente. i media occidentali riportano notizie solo su eventi ad Aleppo est. Dal 2012, Aleppo è stata tagliato in due. Trecentomila persone vivono nelle zone controllate dai terroristi a est, ma i restanti tre quarti degli abitanti di Aleppo, circa 1,5 milioni di persone, vive nelle aree occidentali controllate dallo Stato siriano. Così, quando sentiamo da parte dei media occidentali su quanto sta accadendo ad Aleppo si concentrano solo sulle zone orientali.
Quando noi emettiamo un grido d’aiuto per Aleppo, si trasforma in un grido solo per Aleppo est. Quando i media hanno annunciato che l’ultima pediatra di Aleppo era stato ucciso, non è vero, perché ad Aleppo ovest abbiamo circa 100 pediatri. Forse è il suo l’ultimo pediatra ucciso dall’altra parte, non ho idea, non ho informazioni, ma quello che so è che gli abitanti del settore orientale che vivono sotto il controllo dei terroristi  sono Aleppini  come noi, ma che vivono in aree invase da terroristi.

BCT: Li hanno fatti fuggire dalla zona ..?

NA:« Fin dall’inizio oltre un milione e mezzo di persone sono fuggite verso Aleppo occidentale perché avevano paura dei terroristi, ma ci sono alcune persone che avevano paura di lasciare, forse senza i mezzi per lasciare, paura di perdere ciò che avevano accumulato durante tutta la loro vita, il loro piccolo appartamento, la loro TV. Hanno pensato che se avessero lasciato che potrebbero perdere tutto, così hanno deciso di rimanere non per ragioni ideologiche ma perché materialmente che preferivano rimanere dove si trovavano.

BCT: Le ci ha appena parlato di Aleppo est che è sotto il controllo dei terroristi. La preghiamo di spiegarci la differenza tra il terrorismo ed i « ribelli ».

NAAll’inizio della guerra in Siria c’erano più gruppi tra i quali vi erano una piccola percentuale di opposizione democratica, ma la maggior parte erano gruppi terroristici intenti a stabilire uno stato islamico. Nel corso del tempo questi gruppi democratici sono stati assorbiti dai gruppi terroristici attualmente questi gruppi terroristici rappresentano oltre il 95% del centinaio di gruppi armati di opposizione presenti in Siria. Pertanto, il Free Syrian Army e l’opposizione che non sono terroristi, ma sono comunque armati non rappresentano più del 5% dei gruppi armati, il resto sono tutti terroristi. I principali gruppi terroristici sono DAESH [ISIS] e Al Nusra. Questi due gruppi sono stati aggiunti alla lista « dei terroristi » da parte degli Stati Uniti e della Russia in modo che tutti hanno il diritto di indirizzare loro attacchi aerei. Tuttavia ci sono altri gruppi che provengono da Al Nusra, un affiliato di Al Qaeda, che non sono ancora considerati terroristi. Tra questi ci sono tre gruppi principali, Jaish al Islam [Esercito dell’Islam], Ahrar al Sham e Jaish al Fatah [Esercito della Conquista]. Questi tre gruppi sono stati creati da Al Nusra per evitare di essere messi sulla lista dei terroristi, ma comunque hanno la loro origine in Al Nusra che è Al Qaeda in Siria. Così, quando questi tre gruppi saranno aggiunti  alla lista dei terroristi, che permetterà loro di essere neutralizzati, non ci resteranno che solo i gruppi armati che non fanno i terroristi con i quali siamo riusciti a negoziare e raggiungere un compromesso politico. »


BCT: «E i profughi? 12 milioni persone in cerca di rifugio.

NAMetà della popolazione siriana si è spostata. Ci sono 23 milioni di persone in Siria e 12 milioni di persone sono stati cacciate dalle loro case. 3,5 milioni sono rifugiati al di fuori della Siria nei paesi vicini come la Turchia, Libano e Giordania. Ci sono 8 milioni di sfollati interni che non hanno lasciato la Siria, ma sono stati costretti a lasciare le loro case. Questa è una situazione molto grave e queste persone hanno bisogno di assistenza tanto quanto quelli che hanno lasciato la Siria.
Le agenzie delle Nazioni Unite si concentrano solo sulle persone che vivono nei campi esterni alla Siria. Tutte queste persone non sono in fuga dalle azioni del « regime » di Assad o dall’esercito di Assad, come descritto nei media. Queste persone sono in fuga né dal governo di Assad, né dall’esercito siriano, né dalle azioni ipotetiche di uno di questi gruppi. Queste persone sono o in fuga dalle zone di combattimento o fuggono per la miseria. La maggioranza del popolo siriano ora vive al di sotto della soglia di povertà. L’80% della popolazione di Aleppo dipende dai pacchi alimentari ONG. La gente è povera. Essi hanno esaurito i loro risparmi, coloro che hanno perso il lavoro, coloro che avevano un bene, un workshop o una fabbrica, un negozio, hanno perso tutto. Le persone sono indigenti, fuggono da questa miseria o fuggono dalle zone di combattimento. Essi stanno anche valutando il futuro dei  loro figli, hanno sopportato per 2, 3, anche 4 anni, ma la guerra continua da 5 anni e vogliono assicurare ai loro figli un futuro in modo da prendere la decisione e per cercare un futuro da qualche altra parte, per iniziare una nuova vita.

BCT: Come ha vissuto il popolo siriano le sanzioni e gli embarghi economici imposti dai governi occidentali dall’inizio della guerra?

NASono disgustati da queste sanzioni perché queste sanzioni e questi embarghi non sono stati attuati contro il governo siriano, ma contro il popolo siriano, tutto il popolo siriano. Ad esempio, a me personalmente, come persona x, che vivo in Siria, non ho il diritto di condurre la più piccola operazione. Se avessi voluto inviare 1000 dollari ia miei figli, non sono in grado di farlo. Non posso né importare o esportare nulla. Questo significa la paralisi. Io sono un medico, ho voluto sostituire una parte di un pezzo di alcune attrezzature mediche. Normalmente questo avrebbe preso una settimana, ci sono voluti un anno e mezzo per entrare in possesso del pezzo perché abbiamo potuto importarlo dal Giappone. Quindi, queste sanzioni penalizzano il popolo siriano e ad un certo momento l’UE ha revocato le sanzioni, ma solo per le persone che vivono nelle zone controllate dai terroristi. Le persone che vivono nelle zone sotto il controllo dello stato siriano non potevano fare nulla. Contrariamente alle loro intenzioni, queste sanzioni  non penalizzano il « regime », ma puniscono il popolo siriano.

BCT: « Lei è un cristiano. Un cristiano del Medio Oriente. Se qualcuno dovesse mettere in discussione la sua obiettività, quale sarebbe la sua risposta?

NAIo non parlo a voi come Nabil Antaki il cristiano, io parlo come Nabil Antaki il siriano che ha visto il suo paese viene attaccato e distrutto. Non si tratta di essere cristiani o musulmani, la Siria è un mosaico etnico e religioso. Ci sono undici chiese cristiane diverse e altrettanti fedi musulmane differenti, non è perché il governo siriano protegge le minoranze che lo sosteniamo. No, il governo è laico, protegge tutti, se è una minoranza o una maggioranza, tutti sono rispettati all’interno della Siria. Si tratta di un « regime » laico. A differenza dello stato islamico che assolutamente non rispetta le minoranze. Se i cristiani sono pro-governo o pro lo stato siriano è perché fin dall’inizio hanno sostenuto uno stato laico in contrapposizione ad uno stato islamico.   L’attuale Presidente è molto popolare. Io non sono in realtà un fan del Presidente, io difendo la Siria non il presidente. Ma oggettivamente non si può negare la sua popolarità e, a mio parere, se domani, avessimo elezioni libere in base al diritto internazionale, offrendo a tutti i siriani il diritto di voto, anche quelli in diaspora, vedremmo il nostro Presidente rieletto. L’Occidente non ha capito questo fatto. Assad era popolare all’inizio della guerra contro la Siria, il suo sostegno è ancora più forte oggi, non perché difende le minoranze, che è ciò che i media vorrebbero far credere, ma perché difende tutti i siriani. I cristiani sono circa l’8% della popolazione siriana, così quando si dice Assad è popolare perché difende i cristiani ed è per questo che i cristiani sostengono Assad, è uno scherzo. Che noi siamo con lui o contro di lui, non ha alcun effetto sulla sua popolarità. Non abbiamoné gruppi armati né armi, e siamo l’8% . Assad è popolare in tutti i gruppi e settori della nostra società siriana quindi se vogliamo che questa guerra finisca, dobbiamo smettere di chiedere che Assad vada via come una delle condizioni, dobbiamo negoziare con lui, condurre elezioni libere e lavorare per  la democrazia.

BCT: Mi lasci tornare ad alcune questioni che lei ha citato. Lei parla di enorme popolarità di Assad, ma lo era anche nel 2011?

NA: La questione è questa! Quando i problemi sono cominciati, ci sono stati dimostrazioni anti-Bashar, 10.000 o 15.000 persone al massimo. Queste manifestazioni sono state trasmesse dalle televisioni e le cifre sono state enormemente esagerate fino a uno o due centinaia di migliaia. D’altra parte, massicce manifestazioni spontanee si sono  riversati per le strade a sostegno del governo di Assad, ad Aleppo, a Damasco, in tutte le grandi città. Oltre un milione di persone che sostenevano Bashar. Nessuno ha filmato queste dimostrazioni o forse sarebbe meglio dire nessuno le ha trasmesse in Occidente. Così, le manifestazioni organiche di milioni di persone sono state ignorate, mentre le poche migliaia che sono scese in strada contro Bashar sono state gonfiate a dismisura e molto esagerate. Quindi c’era un enorme quantità di pregiudizi e di parzialità da parte dei media sin dall’inizio. Assad è sempre stato popolare e questo non è cambiato. Egli è forse ancora più popolare che negli ultimi anni prima della guerra..  La vita non era  perfetta ma nessuno voleva la guerra, volevano le riforme. Anche i nemici più espliciti del governo non volevano la guerra, e certamente non questa guerra. Volevano riforme e volevano la democrazia, ma nessuno voleva uccidere la Siria per migliorare la Siria.

BCT: Abbiamo due coalizioni sul terreno in Siria, secondo lei qual è la loro efficacia? »

NA: A mio parere la coalizione internazionale occidentale non è efficace perché non è possibile stare dalla stessa parte. C’è una coalizione di Stati Uniti ed Europa con la Turchia e gli Stati del Golfo e, allo stesso tempo sappiamo che la Turchia, il Qatar e l’Arabia Saudita finanziano i jihadisti, finanza Daesh, finanza Al Nusra. Da un lato vogliono combattere contro i terroristi, dall’altro li stanno aiutando. Questo è del tutto aberrante.
Inoltre, ci sono i curdi in Siria che hanno anche preso le armi contro DAESH. Gli Stati Uniti hanno trovato i loro alleati nei curdi per la lotta contro DAESH. Tuttavia la Turchia è completamente contro l’armamento dei curdi e quindi li combatte. Quindi, abbiamo due paesi che sono alleati, gli Stati Uniti e Turchia, ma uno si è alleato con i curdi e l’altro è contro di loro, così non può mai funzionare. Ci sono troppe contraddizioni all’interno della coalizione occidentale ed è per questo che ha ottenuto nulla.
Prima dell’intervento russo, le incursioni aeree della coalizione sono stati attacchi  cosmetici.. Sono diventati efficaci solo dopo che la Russia è intervenuta.  Dal nostro punto di vista l’intervento russo è stato estremamente vantaggioso e ha il pieno sostegno del popolo siriano che contraddice con la narrativa occidentale. L’occidente accusa la Russia di colpire non solo i gruppi terroristici, ma anche i « ribelli moderati ». La Russia ha avuto molto successo nel bombardare i gruppi dello stato islamico così adesso  l’Occidente sta cercando di rallentare il loro progresso, sostenendo che non stanno prendendo di mira i gruppi terroristici e accusano la Russia di aiutare Bashar invece di attaccare DAESH. Naturalmente questo non è vero, quando l’Occidente bombarda va tutto ok, ma quando la Russia vuole bombardare, non lo fa bene.

BCT: Come pensa che i media occidentali ritraggono la realtà in Siria?

NA: I media occidentali non sono oggettivi. Sono di parte, sono contro lo stato siriano. Sono sostenitori dei terroristi-ribelli. Noi non chiediamo che siano pro o anti « regime »,  chiediamo semplicemente loro di essere obiettivi.

BCT: Cosa si sente di dire dal suo punto di vista personale? »

NA: « Tutto quello che voglio dire all’Occidente è di essere più obiettivo, educate voi stessi, non accettate la  disinformazione, fate  pressione sui vostri governi perché la Siria è un paese che vuole la sua libertà, la sua prosperità e la sua democrazia. La guerra ci ha distrutto, abbiamo avuto abbastanza, vogliamo che si fermi!

Propos recueillis par Cecilia Hamel le 23 mai 2016

Fonte: http://arretsurinfo.ch/aleppo-un-medico-siriano-demolisce-la-propaganda-dei-politici-e-dei-media/

Tradotta il 21 luglio 2016 da Ora pro Siria
print